Archivio mensile:dicembre 2017

Che fine ha fatto Sanremo?

L’idea era quella di commentare e pubblicare a caldo ma poi ci ho pensato bene e mi son detta ‘dai Sara, magari é tutto un gran bello scherzo che ci ha fatto zio Claudio’. Perché si sa, la speranza é l’ultima a morire, soprattutto in questi casi.
Ma procediamo con ordine.
Ieri a Sarà Sanremo 2017 si sono sfidate le Nuove Proposte per la sessantottesima edizione del Festival: qualcuno di interessante, ingiusta (sottolineo ingiusta) esclusione di Santiago, ma nulla di particolarmente rilevante.
Tutto bene insomma fino a quando hanno annunciato i Big.
Panico.
Altro che over ragazzi. Qua non é una competizione musicale, é una gara a chi ha vissuto più governi.
E con questo non intendo che dall’anno prossimo tutti teen idle (Riki dove sei???), però neanche l’età della briscola, eddai su.
Risultati immagini per gif ma chi
Partiamo dalla catastrofe.
A Sanremo 2016 li abbiamo visti tutti insieme appassionatamente a festeggiare i 50 anni di carriera, con tanto di pianti, gente che si chiedeva come continuare l’esistenza senza un live di ‘Dammi solo un minuto’, ringraziamenti vari.
E invece i Pooh ritornano, puntuali come il fisco.
La novità é però che ritornano divisi: il polinomio Pooh é stato scomposto nei fattori Red Canzian, e Roby Facchinetti/ Riccardo Fogli (esattamente, proprio lui, quello che aveva lasciato la band nel 1973 e si é rifatto vivo con qualche annetto di ritardo)
Come si dice dalle mie parti? ‘Na poracciata. 
 

Annalisa. Nali tesoro, basta. Sanremo non fa per te. Stai diventando più recidiva di Bernabei e Bianca Atzei messi insieme.

Lo Stato Sociale. Nel contesto Sanremo risultano un po’ come la prima fetta del pan bauletto…. fuori luogo ma ogni tanto utile. Credo però che si possa contare su di loro per il testo. Almeno spero.

Mario Biondi. Blondie che delusione…. e l’album di Natale?
Diodato e Roy Paci. RAGA MA CHI???
Risultati immagini per gif ma chi
                                                                                                                                                             
Giovanni Caccamo. Ecco un altro che conosce più l’Ariston che casa sua. Ti prego Giovanni cambia strada.
                                                                                                                                                                            
I Kolors. Usciti da tre anni, latitanti da due. Hanno sempre cantato in inglese. Al Festival della canzone italiano. Mi sembra giusto.
                                                                                                                                                                          
Luca Barbarossa. Titolo della canzone “passame er sale”…. di getto esce un “Ma ci rendiamo conto”, ma ripensandoci credo che un ” ‘Tu sorella” sia più coerente.
Il trio delle meraviglie. Vanoni- Bungaro-Pacifico. Tralasciando il fatto che gli ultimi due non si sono mai sentiti neanche per sbaglio, io su Ornella punto tutto. Trash, sbronze, farfugliamenti incomprensibili. Tutto.
Renzo Rubino. Ma chi? (Questa edizione fioccano come se non ci fosse un domani)
Risultati immagini per gif who?
Nina Zilli. Una delle cantanti più sottovalutate del panorama italiano. Spacca tutto soré.
Noemi. Scusate ma io non riesco a pensare ad altro… ma il dread lo ha ancora?
Risultati immagini per noemi con il dread
Enzo Avitabile e Peppe Servillo. I casi che mi fanno rimpiangere la Lodovica Comello dell’anno scorso.
Ermal Meta-Fabrizio Moro. Nuova (interessante) alleanza tra due dei fedeli servitori di regina Maria (De Filippi qualora ci fosse bisogno di specificarlo, ma non credo).
La storia si ripete. Solitamente i suoi pupilli ne escono vittoriosi, vedremo.
Decibel. Enrico Ruggeri ha preso e ha riunito i Decibel…. ma anonimia ne abbiamo?
Le Vibrazioni. Super ritorno. Ed é subito 2003, con i VIENI DA MEE urlati alla radio.
Sarcina mi raccomando, sobrio. Al massimo un cicchetto con la Vanoni.
Ron. Ma io non capisco, Rosalino Cellamare caro, come funziona? Paghi un anno e prendi due? Tutti con le doppiette?
                                                                                                                                                                           
Max Gazzè. Una delle poche perle di questa lista. Però presentarsi con una canzone dal titolo “La leggenda di Cristalda e Pizzomunno” non ti sembra un tantino azzardato?
Il passo dall’Ariston alla letteratura folkloristica é breve, vediamo di evitarlo.
Elio e le Storie Tese. Elio garanzia assoluta. Le assurdità e il trash di Sanremo 2013 sono scalfite nella memoria…. si replica?
Immagine correlata